I Giorni della Storia

Le grandi Battaglie – Lepanto (1571)

Posted by Alessandro Ferretti su marzo 31, 2009

Lepanto

( ottobre 1571 )

1.

RIFERIMENTO TEMPORALE: OTTOBRE 1571
RIFERIMENTO GEOGRAFICO GRECIA – GOLFO DI CORINTO
ESERCITI CONTRAPPOSTI TURCO  E REPUBBLICA VENETA E SANTA LEGA
CONTESTO STORICO: SUPREMAZIA IN EUROPA
FORZE IN CAMPO: FLOTTA VENETA E SANTA LEGA   ( 208 GALERE + 10 GALEE E UNITA’ MINORI DI RISERVA )FLOTTA OTTOMANA ( 220 GALEE circa )

Nella seconda meta del XVI° secolo, la florida e pacifica Repubblica Veneta si ritrova in un’Europa scossa da forti contrasti tra Francia e Spagna e inquieta per la crescente egemonia dell’Impero Ottomano. Quest’ultimo, potente e temuto, nutre ammirazione e invidia per la longevità, la potenza, la ricchezza e la flotta della Serenissima, e brama di poterla sfidare direttamente sul mare.

Nel 1570 i Turchi attaccano Cipro, e la conquistano definitivamente l’anno dopo (nonostante l’opposizione di una strenua resistenza conclusasi con atroci massacri e col martirio di Markantoni Bragadin), fissando così le premesse per quella che, di li a poco, sarebbe stata la battaglia navale che più contribuì a salvaguardare la civiltà europea e la sua cristianità.

Le due ‘superpotenze’ al loro apice, l’Impero Turco con i suoi sudditi e la Serenissima con gli alleati della Santa Lega, si sfidano a Lepanto il 7 ottobre 1571. La flotta turca n’esce distrutta e non si rifarà più. Ma caliamoci un po’ in quel tempo.

2.

Luglio 1571. Sebastiano Venier, veneziano Capitano Generale da Mar, impegnato nell’organizzare la flotta veneta, non riesce a soccorrere Famagosta, cittadina fortificata dell’isola di Cipro assediata dal Turco. Ad organizzarne la difesa e il Capitano Generale Marcantonio Bragadin, comandante veneziano abile e risoluto. Le mura sono massicce e imponenti, ma, dopo undici mesi di eroica resistenza, uomini, viveri e munizioni sono ridotti a1 minimo, e dalla lontana Venezia non arriva alcun soccorso. Per contro, le schiere turche, continuamente rimpiazzate, si fanno sempre più aggressive.

1° Agosto 1571. Spinto dalla popolazione ormai decimata e dai comandanti suoi subordinati, Lorenzo Tiepolo e Astorre Baglioni, Bragadin, seppur personalmente avverso ad ogni accordo con i Turchi, acconsente di trattare la resa. Dopo tanto fragore d’arme, tante sofferenze e lamenti, il 1° Agosto 1571, il silenzio della tregua avvolge lo scenario della battaglia. Le clausole dell’accordo di resa, solennemente sottoscritte pure dai turchi, che ne promettono uno scrupoloso rispetto, sono più che accettabili e dignitose per i superstiti di Famagosta.

5 Agosto 1571. Il 5 agosto, Mustafà, comandante turco, invita al suo cospetto Bragadin e i suoi subalterni, adducendo di voler conoscere l’uomo che tanto si era distinto per “gran valore et previdenzia”, e quelli che insieme con lui “hanno mostrato tanta bravura”.

Il Pascià accoglie con cordialità il Capitano veneto e il suo seguito, ma s’incollerisce poco dopo. Accusa, senza prove, il Bragadin di aver decapitato gli schiavi turchi nella fortezza; e, quando gli chiede dove siano i viveri e le munizioni della città, sentendosi rispondere che non ne sono rimasti, che di ogni cosa “si era venuto al fine”, Mustafà diventa furibondo (per aver forse solo in quell’istante realizzato che non più di 7.000 persone, in parte civili e con scarsi viveri e munizioni, avevano tenuto in scacco per quasi un anno i suoi 250.000 soldati uccidendone circa 80.000…!): fa afferrare i veneti, mozza gli orecchi al Bragadin, ordina l’immediata uccisione degli altri capitani. Intanto, in città, i Turchi violano tutti i termini della resa: assaltano le navi in partenza dall’isola, ammazzano i Veneti e gli Italiani, violentano le donne dei Ciprioti e le rinchiudono poi insieme ai bambini per farne schiavi, incatenano gli uomini alla voga nelle galee.

3.

15 Agosto 1571. Alcuni giorni dopo, Bragadin, già gravemente infetto per il taglio degli orecchi, riceve dal capo turco la proposta di farsi musulmano in cambio della vita, ma il comandante veneziano subito gli rinfaccia il tradimento della parola data, scegliendosi cosi l’orrenda fine. Il 15 Agosto, dopo indicibili supplizi, egli viene denudato, legato ad una colonna e scorticato vivo alla presenza del Pascià: senza proferire lamento alcuno e con l’assoluta dignità di veneto soldato, l’eroico Capitano Generale sopporta in silenzio il suo martirio fino all’ultimo respiro. Le sue membra sono disperse fra l’esercito turco. La sua pelle, riempita di paglia, ricucita e rivestita ad umano sembiante, è mostrata in tutta Famagosta e in Asia, per arrivare poi a Costantinopoli e, infine, sottratta da un veronese, a Venezia anni dopo, dove trova finalmente sepoltura, dapprima nella Chiesa di San Gregorio e poi nella Basilica dei Santi Giovanni e Paolo, dove giace ancora oggi.

Fra tanto orrore, l’episodio di Famagosta sortì però indubbiamente pure il positivo effetto di indebolire il morale e le capacità offensive dei turchi, concorrendo così a determinare il favorevole esito dello scontro che avrebbe avuto luogo di li a poco più d’un mese a qualche centinaio di chilometri da Cipro, scontro che avrebbe visto contrapposte le forze ottomane alle forze cristiane e che sarebbe passato alla storia come il più sanguinoso evento sul mare di tutti i tempi.

Mentre Famagosta capitolava e l’eroe veneto subiva il martirio, la flotta veneta era arrivata a Messina, attesa dalle altre forze della Santa Lega, una specie di Crociata promossa da Papa Pio V contro l’Infedele Turco.

Nell’armata cristiana si erano alleate tre flotte: quella veneta, guidata dal Capitano Generale Sebastiano Venier; quella del Papa, agli ordini di Marcantonio Colonna, e quella di Filippo II, diretta dal fratello ventiseienne Don Giovanni d’Austria. Contava circa 210 galee, per metà venete, 6 galeazze, tutte venete, e oltre 60 fregate. In totale circa 280 bastimenti, sui quali trovavano posto 1800 pezzi d’artiglieria, 34.000 soldati, 13.000 marinai e 43.000 vogatori (per metà schiavi turchi e criminali comuni). Don Giovanni d’Austria era Comandante Supremo dell’armata.

Dopo non poche difficoltà organizzative e finanziarie e numerosi episodi di rivalità tra soldati di diversa parte, si convenne di dividere le tre flotte in quattro squadre, distinte da bandiere di diverso colore e composte ognuna da navi provenienti da tutte le nazioni partecipanti, cosi da impedire il sorgere di eventuali gelosie tra le truppe e ottenere un’armata la più compatta possibile.

Dall’altra parte, riunita nel Golfo di Corinto, stava la grand’armata musulmana, pure divisa in quattro squadre. Contava circa 230 galee e una sessantina di bastimenti minori. In totale circa 280 legni, 750 cannoni, 34.000 soldati, 13.000 mariani e 41.000 rematori (in buona parte schiavi cristiani, per lo più greci). Il Supremo Comandante era Alì Pascià, vecchio ammiraglio dei gloriosi giorni del sultano Solimano.

4.

7 Ottobre 1571: Nella notte dal 6 al 7 ottobre l’armata cristiana arrivò all’imbocco del Golfo di Corinto, ad una ventina di miglia dalla flotta ottomana, da dove, all’alba del 7, ne intravide all’orizzonte le bianche vele. I Cristiani si presentavano da ponente, i Turchi da levante.

Da entrambe le parti aleggiava un certo ottimismo, conseguente alle difettose stime acquisite da ognuna delle due armate sull’entità dell’altra: ciascuno dei due contendenti si credeva superiore all’avversario ed era impaziente di misurarsi con lui. Soffiava un vento fresco da scirocco, che spingeva le vele turche verso i cristiani, i quali invece avanzavano a remi.

Don Giovanni, dalla reale di Spagna, ordinò all’armata di schierarsi. Le galee della Lega si affiancarono, disponendosi quasi a contatto di remi: una formidabile linea di fronte, preceduta dalle figure imponenti delle 6 galeazze venete, allargate in tre coppie a protezione delle tre squadre principali.

Ali Pascià, dalla Reale Turca, ordinò lo schieramento di battaglia. Il vento di scirocco mutò in una brezza da ponente, che favorì L’armata cristiana costringendo i turchi a dar di remo.

Il giovanissimo comandante supremo della Lega si rivolse a Sebastiano Venier e, come a cercare consiglio nell’esperienza del veneziano, gli chiese: “Che si combatta?”. Il vecchio capitano generale da mar senza esitazione alcuna gli rispose: “E’ necessità et non si può far di manco” – e certamente non immaginava di star dettando, con quelle sue parole, alla storia d’Europa L’inizio di uno dei suoi più importanti capitoli.

Mancava poco a mezzogiorno quando la linea turca, forse un po’ sorpresa dalla visione di quell’immenso schieramento irto di cannoni che aveva sottostimato, si fece colpire dalle potenti artiglierie della galeazza del veneziano Francesco Duodo e mostrò qualche disordine, simultaneamente investita da un inferno di moschetteria eruttato dalle sei galeazze. Oltrepassate le grandi navi venete, le imbarcazioni turche, già in parte danneggiate, sbatterono contro il muro delle galee cristiane. D’un tratto non valse più alcuna tattica ne direttiva e fu la confusione più totale. Ognuno combatteva con quanto gli capitava in mano, e non c’era luogo, sui ponti e sulle corsie delle galee, che non fosse penetrato da archibugiate, frecce, spade e pugnali.

Il combattimento si fece più acceso fra le navi ammiraglie: la Reale Turca e la Reale di Spagna ingaggiarono un tremendo duello, appoggiate dalle rispettive capitane e da molte altre galee, cristiane e turche, accorse in loro aiuto. Poi le due navi si urtarono e quindi si affiancarono, si lanciarono a vicenda gli arpioni e iniziò l’arrembaggio.

Intanto, l’ala sinistra del comandante veneto Agostino Barbarigo si scontrava impetuosamente con l’ala destra turca di Maometto Scirocco, facendogli perdere una quindicina di galee. Guerrieri d’altre galee del sultano tentarono di invadere la nave, valorosamente contrastati dai soldati veneti. Il Barbarigo, che, “sempre tra i primi aggirandosi e dove era più folta la tempesta dei nemici correndo, mostrava che se per l’arte non era a niun capitano secondo, per la prontezza della mano e per l’ardire pareggiava i più animosi soldati”, riuscì a respingere ben due assalti dei turchi, ma al terzo fu mortalmente colpito. L’evento precipitò il morale nella galea veneta, che però fu prontamente soccorsa da altri bastimenti alleati. La galea turca ebbe la peggio e affondò. Scirocco fu preso e decapitato.

Molti schiavi cristiani nelle galee turche spezzarono le catene e con armi di fortuna assalirono alle spalle i loro persecutori; quindi, gridando alla libertà, saltarono sulle galee della Lega, mettendosi ai remi.

La battaglia culminò. Le urla dei combattenti, unite al suono delle trombe cristiane, al rullare dei tamburi turchi, all’esplodere delle granate, agli spari degli archibugi, all’incrociarsi delle spade e agli urti tra remi generavano un frastuono assordante. Molti altri uomini morirono, ancora tante galee cristiane e turche affondarono o bruciarono, in un inferno che sembrava non finire mai…

Arrivarono quasi le quattro del pomeriggio. Il mare era ormai una raccapricciante distesa coperta di sangue, di lamenti, di cadaveri, di remi spezzati, di pezzi di alberature e d’innumerevoli altre cose. Ma la battaglia era finita, e la grand’armata turca distrutta.

La flotta cristiana era padrona del mare.

5.

Alcuni giorni dopo, la galea d’Onfrè Zustinian, “sbarrando a salve con tutta l’artillaria”, entrò nel porto di Venezia portando la gran notizia. Il messaggero di Sebastiano Venier, aprendosi a fatica il passaggio in mezzo alla folla in delirio, entrò nella sala del Collegio dove già l’attendeva la Signoria con il Doge Alvise Mocenigo, e “fatto subito da tutti silenzio, con voce alta et militar disse: Apporto, Serenissimo Principe, nobilissima e mirabilissima vittoria. L’armata turchesca tutta dalla nostra vinta et disfatta. Quasi tutte le galere inimiche o buttate a fondo, o spinte in terra, o prese, pochissime salvate. Sia contento et gloria vostra””. Allora “si levò un grido di tutti in ringraziar Dio, né si trovò così saldo cuore che in tal caso da tenerezza temperasse le lagrime; pareva che le menti e i petti non bastassero per ricever l’allegria”.

Il bilancio dell’epico scontro fu pesantissimo per tutti. Gli alleati contarono più di 7.000 morti (per lo più veneti), uccisi o annegati, in gran parte soldati, e circa 20.000 feriti. Molto peggio andò per i Turchi: 30.000 morti, tra cui la maggior parte dei loro capitani; circa 100 navi bruciate o affondate e 130 catturate; molti dei loro migliori capitani e 10.000 uomini fatti prigionieri; 15.000 schiavi cristiani fuggiti.

La Battaglia di Lepanto segnò la fine del predominio turco nel Mediterraneo. La vittoria degli alleati fu netta e schiacciante, un trionfo della cristianità e, per i Veneti, che si erano battuti con indubbio eroismo, anche un trionfo morale.

tratto da Raixe Venete El sito dei Veneti

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: